Carta acquisti Poste Italiane: come riceverla?

La Carta acquisti è uno strumento per aiutare determinate categorie di persone in difficoltà economica dopo l’ufficializzazione dal decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133. e che fa parte della stessa categoria di sostegno economico della quale fanno parte anche misure come il Reddito di Cittadinanza.

Chi può richiederla?

La Carta acquisti è stata sviluppata dalle Poste Italiane esattamente come il RdC è una carta di pagamento elettronica, prepagata ricaricabile e gratuita del valore di 40 euro (la mensili (la scheda viene caricata ogni due mesi con l’importo di 80 euro) e non può essere utilizzata per il prelievo di contante.
Può essere usata per fare acquisiti presso supermercati, negozi alimentari, farmacie e parafarmacie aderenti, per pagare le utenze per energia elettrica e gas, e usufruire di sconti presso punti vendita convenzionati.
La Carta acquisti è destinata a due categorie ben precise di utenti, ossia per chi ha un’età uguale o superiore a 65 anni oppure inferiore a 3 anni seguendo questi requisiti:

I requisiti

Gli Over 65 possono richiedere la carta acquisti seguendo questi requisiti:

  • essere di età non inferiore a 65 anni;
  • essere in possesso della cittadinanza italiana, o della cittadinanza di uno Stato appartenente all’Unione Europea, o essere familiare di un cittadino italiano, non avente la cittadinanza di uno Stato membro dell’Unione Europea, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, o familiare di cittadino comunitario, non avente la cittadinanza di uno Stato membro dell’Unione Europea, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, o ancora cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, o, infine, rifugiato politico o titolare di posizione sussidiaria;
  • essere cittadino regolarmente iscritto nell’Anagrafe;
  • avere trattamenti pensionistici o assistenziali che, cumulati ai redditi, siano inferiori a 6.966,54 euro l’anno, o 9.288,72 euro l’anno se avete 70 anni o più;
  • avere un ISEE, in corso di validità, inferiore a 6.966,54 euro;
  • non essere, da solo o insieme al coniuge:
    . intestatario/i di più di una utenza elettrica domestica;
    . intestatario/i di utenze elettriche non domestiche;
    . intestatario/i di più di una utenza del gas;
    . proprietario/i di più di un autoveicolo;
    . proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 25%, di più di un immobile ad uso abitativo;
    . proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 10%, di immobili non ad uso abitativo, inclusi quelli ubicati al di fuori del Territorio della Repubblica Italiana o di categoria catastale C7;
    . titolare/i di un patrimonio mobiliare, come rilevato nella dichiarazione ISEE, superiore a 15mila euro ovvero, se detenuto all’estero e non già indicato nella dichiarazione ISEE, non superiore alla medesima soglia una volta convertito in Euro al cambio vigente al 31 dicembre dell’anno precedente la presentazione della dichiarazione ISEE.
  • non fruire di vitto assicurato dallo Stato o da altre pubbliche amministrazioni in quanto ricoverato in istituto di cura di lunga degenza o detenuto in istituto di pena.

Anche i bambini  di 3 anni, ovviamente tramite il genitore o il tutore, hanno diritto alla Carta acquisti, a patto che abbiano i seguenti requisiti.

  • chiederla per un minore di 3 anni;
  • essere in possesso della cittadinanza italiana, o della cittadinanza di uno Stato appartenente all’Unione Europea, o essere familiare di un cittadino italiano, non avente la cittadinanza di uno Stato membro dell’Unione Europea, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, o familiare di cittadino comunitario, non avente la cittadinanza di uno Stato membro dell’Unione Europea, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, o cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, oppure, infine, rifugiato politico o titolare di posizione sussidiaria;
  • essere cittadino regolarmente iscritto nell’Anagrafe;
  • avere un ISEE in corso di validità, inferiore a 6.966,54 euro;
  • non essere, da solo o insieme all’esercente la potestà genitoriale/soggetto affidatario e all’altro esercente la potestà genitoriale/soggetto affidatario:
    . intestatario/i di più di una utenza elettrica domestica;
    . intestatario/i di più di una utenza elettrica non domestica;
    . intestatario/i di più di due utenze del gas;
    . proprietario/i di più di due autoveicoli;
    . proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 25%, di più di un immobile ad uso abitativo;
    . proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 10%, di immobili non ad uso abitativo, inclusi quelli ubicati al di fuori del Territorio della Repubblica Italiana o di categoria catastale C7;
    . titolare/i di un patrimonio mobiliare, come rilevato nella dichiarazione ISEE, superiore a 15mila euro ovvero, se detenuto all’estero e non già indicato nella dichiarazione ISEE, non superiore alla medesima soglia una volta convertito in Euro al cambio vigente al 31 dicembre dell’anno precedente la presentazione della dichiarazione ISEE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.