Lavorare in Francia conviene? Ecco la risposta

Purtroppo in Italia trovare lavoro diventa sempre più difficile e quindi soprattutto molti giovani sono pronti a lasciare il nostro Paese per trasferirsi all’estero in cerca di fortuna e tra le mete più ambite c’è la Francia, soprattutto per coloro che sono degli inguaribili romantici e sono attratti da questa Nazione e dalla città dell’amore come Parigi. Ma lavorare in Francia conviene? Di seguito vi sveleremo la risposta.

Conviene vivere in Francia? I pro e i contro

In Francia come in Italia si sta vivendo un periodo di crisi economica dovuta al Covid non indifferente, quindi trasferirsi lì ha dei pro e dei contro.

Ecco i pro:

Sicuramente vale la pena per quanto riguarda gli stipendi, perchè il salario minimo per un lavoratore non specializzato è di 1.500 euro.

A differenza dell’Italia poi c’è una enorme efficienza pubblica. Bus e metro ad esempio non sono mai in ritardo e le corse sono molte di più rispetto al nostro Paese.

Essendo una nazione che confina con l’Italia la lingua è molto simile alla nostra e quindi impararla non sarà tanto difficile.

L’istruzione per i nostri figli è il top con spese molto minori a quelle italiane.

I contro:

Il costo della vita è più alto che in Italia. Vivere a Parigi è pressochè impossibile visti i costi degli affitti delle case, quindi bisogna scegliere altre città.

Il tasso di disoccupazione è più basso rispetto all’Italia ma più alto rispetto ad altre nazioni europee dove quindi sarebbe più facile trovare lavoro.

Non è certo la nazione adatta per coloro che parlano inglese, perchè in Francia sono molto patriottici e privilegiano chi parla il francese.

Esistono assicurazioni obbligatorie che si dovranno stipulare: quella sugli incendi per la casa e quella sanitaria e bisogna sapere che l’assicurazione sanitaria costa 700 euro all’anno.

Conclusioni

Al tirar delle somme tra Italia e Francia non si riscontrano quindi tanti vantaggi al trasferimento, quindi se proprio si decide per un lavoro all’estero meglio scegliere alte nazioni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.