Attenzione a questo prelievo al Bancomat: ecco la cifra che…

La circolazione di moneta elettronica è oramai una consuetudine consolidata al punto che quasi non ci facciamo più caso, anche perchè con lo sviluppo di tecnologie multimediali come smartphone, tablet e altri dispositivi favorisce sempre con maggiore frequenza l’utilizzo di carte, bancomat ma anche dei bonifici.

Non si tratta solo di un trend, sopraggiunto casualmente ma una fase di un percorso iniziato oramai svariati anni fa che vede la graduale sostituzione del denaro liquido, ritenuto dai governi e delle banche centrali eccessivamente “sfuggente” alla tassazione ed alla tracciatura in generale, dato che viene utilizzato anche dalla criminalità.

Cambiamenti

La linea europea, condivisa anche da altri paesi è quella di utilizzare sempre con maggiore frequenza i pagamenti elettronici proprio per un fattore sicurezza e per arginare l’evasione fiscale, che ogni anno “brucia” miliardi di euro. Anche gli ultimi governo hanno seguito e mantenuto questa linea sia con delle agevolazioni e veri e propri bonus come il Cashback di Stato (“modificato” in Bonus Bancomat dall’attuale esecutivo), politica che è stata poi ripresa da numerose banche e anche da Poste Italiane.

bancomat

Attenzione a questo prelievo al Bancomat: ecco la cifra che…

Seguendo la medesima politica, il limite di denaro prelevabile in una singola giornata attraverso gli sportelli ATM è in diminuizione da anni, riduendosi a cadenza quasi regolare.

Dal 1° gennaio 2022 questo limite sarà nuovamente ridotto, e ciò si traduce in un limite di 999 euro al giorno per quanto riguarda il prelievo di contanti, rispetto ai 1999 euro mantenuti fino al 2021; le transazioni tracciabili con il denaro liquido che saranno considerate “lecite” solo sotto questa cifra, altrimenti bisognerà optare per la moneta elettronica.

I limiti mensili sono solitamente imposti dalla banca, si tratta in genere di cifre tra i 2000 ed i 5000 euro, mentre per “movimenti” oltre i 10.000 euro possono verificarsi controlli da parte del fisco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.