Stangata Canone Rai: “E’ pazzesco, ecco la novità…”

C’è sempre molto da discutere attorno al Canone Rai, chiamata in maniera più congrua Tassa televisiva o in altre nomenclature analoghe, da parte della popolazione italiana che da diversi decenni non sembra propensa ad accettare il pagamento di una vera e propria tassa che tuttavia spesso viene percepita come qualcosa di facoltativo come il Canone Rai.

Tassa televisiva

Il canone televisivo si applica sulla detenzione degli apparecchi atti o adattabili alla ricezione di radioaudizioni televisive, come recita il disegno di legge che riflette un’ordinanza del 1938, in seguito modificata ma mai realmente “azzerata”. In sostanza chiunque disponga di un televisore, anche se non lo utilizza, deve pagare il canone, che è una vera e propria imposta richiesta dallo statato.

Spesso fa discutere il concetto stesso di tassa televisiva che in realtà è presente anche in altri paesi europei ma “calcolata” in maniera differente. Esistono delle esenzioni specifiche, nella fattispecie per Cittadini di età pari o superiore a 75 anni in possesso di un reddito annuo non superiore a 8 mila euro, diplomatici e militari stranieri oppure chi può dimostrare effettivamente di non detenere alcun tipo di apparecchio televisivo.

canone rai

Dal 2016 il canone è stato introdotto nella bolletta energetica e ciò ha permesso un ritorno delle entrate nelle casse dello stato, si tratta di un importo annuo di 90, calcolate il più delle volte su 10 rate da 9 euro l’una.

Stangata Canone Rai: “E’ pazzesco, ecco la novità…”

Nessuna reale novità per il 2022 ma dal 2023, secondo le direttive europee, il canone ritornerà ad essere “separato” dalla fornitura elettrica. Ciò determinerà ragionevolmente nuovi “ammanchi” nelle casse dello stato ma l’intenzione è quella di rafforzare i controlli e di sviluppare una nuova ondata di multe da parte dell’esecutivo di turno per evitare una nuova evasione di massa di questa imposta.

Molto probabilmente si ritornerà al sistema di pagamento tramite bollettino oppure via telematica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.