Allerta Bancomat in Italia: prelievi bloccati per queste banche

La digitalizzazione dei sistemi di pagamento non è una sorta di “moda” del momento ma è molto più semplicemente una necessità sempre più evidente, che è divenuta palese negli ultimi anni, con la tendenza da parte dei governi europei (italiano incluso) a ridurre la circolazione del denaro contante, sopratutto per ragioni fiscali: il denaro liquido è infatti il “mezzo” economico più utilizzato per evadere le imposte sui pagamenti e sulle transazioni di denaro, oltre a incentivare il lavoro nero.

Come ogni transazione che condiziona le abitudini umane, anche il passaggio dal “solido” al digitale non può venire assorbito in maniera uguale presso ogni fascia di popolazione, sostanzialmente per motivazioni legate al contesto, alle abitudini, all’età e tante altre. Abituare la cittadinanza ad adattarsi gradualmente sembra essere la soluzione migliore nel medio-lungo periodo.

Allerta Bancomat in Italia: prelievi bloccati per queste banche

Molti istituti di credito sono stati “costretti” a chiudere molte filiali per motivazioni legate alla politica cashless già accennata: meno prelievi significa anche meno necessità di tenere aperte le filiali, con tutti gli ingenti costi che ne conseguono. Altre banche hanno iniziato ad attrezzarsi in anticipo come quelle del gruppo ING, come Conto Arancio, che dall’estate 2021 ha annunciato la chiusura delle filiali sul territorio italiano, con ATM annessi.

Altri istituti di credito hanno scelto di seguire questa politica, mentre a più riprese diversi sportelli automatici di banche molto diffuse come Intesa San Paolo e Bper in diversi comuni italiani hanno reso impossibile anche per diversi giorni di effettuare operazioni di prelievo presso i propri sportelli: al di la di manutenzioni sui circuiti delle banche, molto spesso quest’impossibilità è data proprio dall’intenzione delle banche stese di dismettere le proprie filiali.

Sarà ovviamente possibile per gli utenti continuare a prelevare presso altri istituti di credito, ma è chiaro che questa dinamica può sviluppare malumori e fastidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.