Antiche monete che oggi valgono tantissimo: ecco quali potresti avere

Alla scoperta di alcuni pezzi del nostro passato che oggi valgono una fortuna.

0
835

Avvicinarsi al mondo della numismatica può riservare grandi soddisfazioni. Il motivo è molto semplice e riguarda il fatto che, spesso, da monete che si hanno in casa si possono ricavare delle cifre a dir poco interessanti.

Se ti stai facendo domande in merito e vuoi saperne di più, nelle prossime righe puoi trovare specifiche relative alle antiche monete che valgono tantissimo e che potresti un giorno ritrovare nei cassetti di casa tua.

Vecchie lire che valgono una fortuna

Quando si parla di antiche monete che possono valere tantissimo, un doveroso cenno deve essere dedicato a delle compagne speciali del nostro passato. Sì, stiamo parlando delle lire.

Esistono alcuni pezzi che è probabile avere in casa – diciamo che si parla di una probabilità più alta rispetto a quella di trovare in un cassetto una moneta dell’antica Roma – e che sono molto interessanti per i collezionisti.

Tra questi è possibile citare le cosiddette 2 lire spiga – il nome è legato alla presenza, su una delle due facce, della figura di una spiga – moneta coniata nel lontano 1947 e, oggi come oggi, cartterizzata da un valore che, in fior di conio, può arrivare a 1800 euro.

Il fior di conio è il livello di conservazione migliore possibile per le monete. Per capire un po’ di cosa si tratta, facciamo presente che, quando lo si nomina, si inquadrano monete che non hanno praticamente circolato.

Tornando un attimo ai pezzi del passato che è facile trovare in casa e che valgono tanto, un doveroso cenno deve essere dedicato alla lira arancia. Moneta da 1 lira coniata alla fine degli anni ’40 e caratterizzata dalla presenza della figura di un ramo di arancio, può valere circa 1500 euro.

Non c’è che dire: dai decenni che ci siamo lasciati alle spalle ci hanno regalato delle vere e proprie chicche per quanto riguarda le monete. Tra queste è possibile citare le cosiddette 5 lire delfino (anche in questo caso, il nome è legato alla presenza su una delle facce, del dolcissimo mammifero).

In questo caso, siamo davanti a una moneta risalente al 1956 che, pur non essendo rarissima, vale tanto. Quanto? Alcuni collezionisti possono pagarla fino a 2000 euro.

Concludiamo facendo presente che, quando si parla di vendere le antiche monete che si hanno in casa, è cruciale utilizzare siti specializzati come Catawiki, che garantiscono, in virtù della presenza di un pool di periti esperti in grado di valutare al meglio ogni singolo pezzo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here