Cos’è il modello F24? A cosa serve e come si paga?

0
121
modello F24

Il modello F24 è utilizzato per il pagamento di molte imposte e contributi, ma chi si ritrova a doverlo compilare per la prima volta può trovare delle difficoltà e commettere qualche errore.

È frequente sentire chiamare il modello F24 “Unificato”, questo perché permette di effettuare il pagamento di importi dovuti in un’unica soluzione, compensando i versamenti anche con eventuali crediti che si sono maturati nel tempo.

Il modello F24 viene utilizzato dai lavoratori senza partita IVA e da quelli con partita IVA, quest’ultimi hanno l’obbligo del pagamento telematico.

Quali imposte si pagano con l’F24?

È possibile reperire il modello F24 presso agenzie di riscossione, uffici postali e banche, oppure, scaricando la versione PDF da internet.

Sono davvero tante le imposte che si possono pagare con questo modello, di seguito ne citiamo alcune tra le più importanti:

  • Imposte sui redditi (Irpef e Ires)
  • Ritenute su redditi di lavoro
  • Ritenute su redditi da capitale
  • IVA
  • Imposte sostitutive delle imposte sui redditi (Irap e IVA)
  • Imposta sostitutiva su vendite immobiliari
  • Altre imposte sostitutive
  • Irap
  • Addizionali regionali e comunali
  • Accise
  • Contributi INPS, INAL, ENPALS, INPGI
  • Interessi
  • Diritti camerali
  • IMU
  • TARI, TOSAP/COSAP
  • Canoni di locazione

Inoltre, questo modello permette di versare somme dovute anche per:

  • Ravvedimento
  • Autoliquidazione da dichiarazioni
  • Avviso di accertamento
  • Avviso di irrogazione sanzioni

Inoltre, è importante ricordare che tutte le imposte pagabili con il modello F24 sono compensabili. L’Istituto della compensazione da la possibilità ai contribuenti di compensare il versamento dei tributi con crediti maturati.

Sono due le forme di compensazione disponibili: la prima è quella verticale, in questo caso si utilizzano i crediti per pagare debiti della stessa tipologia di imposta ma che fanno riferimento ad esercizi differenti. Ad esempio, basti pensare all’IRPEF, all’IRES, all’IRAP o all’IVA.

La seconda tipologia è quella orizzontale, in cui vengono utilizzati dei crediti per pagare debiti di qualsiasi tipo, ad esempio, il credito IRES per il pagamento dei contributi previdenziali.

Come è fatto il modello

Il modello F24 è composto da diverse sezioni, ecco un rapido riepilogo delle varie parti che lo compongono.

Contribuente: è la sezione in alto in cui si indicano le generalità di chi paga la tassa, possono anche essere inseriti i dati che riguardano une ere, un coniuge, un genitore, un tutore o curatore fallimentare o una delega.

Ente ricevente: è la parte centrare in cui ci sono diverse sezioni riferite ai vari enti a cui versare il pagamento della tassa.

Dati bancari: è la parte finale del modello F24, qui vanno inseriti i dati della Banca o l’ente attraverso il quale viene fatto il pagamento delle tasse.

Come pagare il modello F24

I titoli di partita IVA hanno l’obbligo del pagamento telematico che può avvenire anche tramite degli intermediari, mentre quelli senza, possono presentarsi presso sportelli di qualunque ufficio postale o banca convenzionata.

Il modello F24 è composto da 3 copie, quando viene pagato offline, due restano allo sportello mentre una viene restituita con il timbro.

Il versamento può essere anche effettuato in contati o tramite banche con assegni bancari e circolari, presso agenti della riscossione tramite assegni bancari e circolari e/o vaglia cambiari; tramite sportelli bancari dotati di terminali elettronici per pagare tramite carta Pago Bancomat, oppure, presso gli Uffici Postali con assegni postali, assegni circolari, assegni bancari su piazza, vaglia o carta Postamat.

In fase di compilazione bisogna fare molta attenzione ad alcuni errori che, purtroppo, sono tra i più comuni tra i contribuenti.

Quelli maggiormente riscontrati riguardano il codice tributo, il periodo dell’imposta da versare, il codice regione per l’imposta regionale, il codice fiscale.

È necessario controllare che tutti i dati siano corretti prima di procedere all’invio del modello F24 e al suo pagamento.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here