Una criptovaluta danneggia gli hard disk: ecco qual’è

0
168

La criptovaluta, formalmente nata nel 2009 con la creazione del Bitcoin, descrive una moneta “virtuale” basata sulla crittografia, che non è gestita o governata da un governo centrale e possiede diverse peculiarità di investimento uniche. Nel corso del tempo sono nate tantissime criptovalute alternative (denominate il più delle volte altcoin) che hanno reso l’intera categoria sempre più considerata ed in ascesa.

Vantaggi della criptovaluta

Nonostante non sono ancora considerabili delle valute a tutti gli effetti nel senso “tradizionale” del termine, (anche se questo dipende dalle varie nazioni, che hanno deciso di tassare in maniera più o meno consistente la categoria), numerosi investitori di ogni tipo ha scelto di dedicarsi all’utilizzo di una o più di queste valute. Oltre a vantaggi in termini di crittografia, rapidità e sicurezza dei trasferimenti, infatti spesso il tema ambientale è citato quando si parla di criptovalute: seppur molto discusso il tema green dovuto all’utilizzo di Bitcoin e simili ha un senso, visto che non utilizza denaro fisico, ne qualsivoglia tipo di carta/bancomat anche se i vari processi come il mining e transazioni richiede una grande quantità di energia, essendo di fatto tutto basato su computer e calcolatori. E’ anche vero che esistono diverse criptovalute e società correlate sono particolarmente accorte da questo punto di vista, adottando sistemi per ridurre l’impatto ambientale.

Danni agli hard disk?

Una di queste, Chia Network, società che si è prodigata per arginare proprio il consumo dovuto all’utilizzo del protocollo proof-of-work (utilizzato da gran parte delle criptovalute per questioni di sicurezza) tuttavia presenterebbe dei problemi che andrebbero ad inficiare di parecchio gli hard disk SSD utilizzati, che di fatto diventano inutilizzabili dopo pochi mesi di “uso intensivo”, a causa sopratutto del mining. Chia utilizza infatti, al posto del proof-of-work solo il “classico” passaggio di dati su hard disk. Non è escluso che Chia Network provveda in breve tempo per arginare questa nuova problematica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here