Attenzione, ecco le nuove fasce di reddito ISEE

0
3399

La richiesta dell’ISEE è un’esigenza comune a tantissime famiglie. Quando lo si nomina, è naturale parlare anche di fasce di reddito. Quali sono? Nelle prossime righe di questo articolo, cerchiamo di rispondere assieme a questa domanda.

Fasce di reddito ISEE: ecco cosa sapere

La prima cosa da dire in merito alle fasce di reddito ISEE 2021 è che sono due. Entrando nel dettaglio in merito, facciamo presente che prevedono diversi scaglioni sulla base sia del reddito, sia della scala di equivalenza. Di cosa si tratta di preciso? Quando si chiama in causa questo termine, si inquadra un parametro basato su un valore desunto relativo in particolare al numero di componenti di un nucleo familiare.

Un altro aspetto da sottolineare è che le classi di equivalenza ISEE 2021 prevedono valori specifici. Ecco tutti i dettagli in merito:

  • 1 componente:  valore 1
  • 2 componenti: valore 1,57
  • 3 componenti: valore 2,04
  • 4 componenti: valore 2,46
  • 5 componenti: valore 2,85

Detto questo, vediamo le specifiche relative alle fasce e agli scaglioni:

Prima fascia

Un componente, parametro 1 – ISE 10.632,94 euro – ISEE 10.632,94 euro;

Due componenti, parametro 1,57 – ISE 16.693,71 euro – ISEE 10.632,94 euro;

Tre componenti, parametro 2,04 – ISE 21.691,19 euro – ISEE 10.632,94 euro;

Quattro componenti, parametro 2,46 – ISE 26.157,02 euro – ISEE 10.632,94 euro;

Cinque componenti, parametro 2,85 – ISE 30.303,87 euro – ISEE 10.632,94 euro

Seconda fascia

Un componente, parametro 1 – ISE 21.265,87 euro – ISEE 21.265,87 euro;

Due componenti, parametro 1,57 – ISE 33.387,42 euro – ISEE 21.265,87 euro;

Tre componenti, parametro 2,04 – ISE 43.382,38 euro – ISEE 21.265,87 euro;

Quattro componenti, parametro 2,46 – ISE 52.314,05 euro – ISEE 21.265,87 euro;

Cinque componenti, parametro 2,85 – ISE 60.607,74 euro – ISEE 21.265,87 euro

Come compilare la DSU

Quando ci si informa sull’ISEE 2021, è doveroso ricordare che, per richiederlo, è necessaria la compilazione della DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica). Per compilare il suddetto certificato è possibile fare riferimento all’INPS – per la precisione al sito ufficiale dell’Ente – ma anche ai CAF.

Un vantaggio recente, disponibile dal 2020, è la DSU precompilata. Si tratta della versione del sopra citato documento caratterizzata dalla presenza di dati ricavati dall’Agenzia delle Entrate e dall’INPS stesso. Quali sono di preciso? Si tratta dei redditi asoggettati all’IRPEF, delle erogazioni esenti dall’IRPEF, dei dettagli relativi a un eventuale canone di locazione e di tutto quello che riguarda il patrimonio immobiliare e mobiliare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here