Attenzione a questi addebiti su Postepay: ecco cosa significano

0
666

La carta Postepay è probabilmente la carta prepagata ancora più diffusa nel nostro paese, se non altro perchè una delle prime che ha iniziato a diffondersi in maniera capillare sul territorio nazionale dai primi anni 2000, permettendo a numerosi utenti anche molto giovani di effettuare acquisti online.
Successivamente le Poste Italiane hanno realizzato la versione dotata di IBAN, permettendo così l’addebito di stipendi e bonifici bancari aumentando così la diffusione di queste carte, che sono diventate anche il “bersaglio preferito” di svariate truffe.

Addebiti illeciti Postepay

Negli ultimi anni le procedure di sicurezza per pressochè tutte le carte prepagate sono migliorate molto, ma è ancora possibile ritrovarsi alcuni addebiti illeciti sulla propria Postepay. Le ragioni riconducibili a qualche addebito che non abbiamo autorizzato sono poche, in genere quando si inseriscono i dati in qualche sito web e/o portale non esattamente sicuro ed affidabile: la stragrande maggioranza dei siti “sicuri” infatti passa attraverso il sistema di Sicurezza Web che prima di autorizzare il pagamento, manda un sms sullo smartphone dell’utente. Se non si “passa” per questi circuiti alcuni siti possono effettivamente avere un accesso non autorizzato presso la vostra prepagata.
La seconda motivazione può essere riscontrata se avete fornito gli estremi della vostra carta a qualcuno per consentire un addebito diretto, o domiciliazione bancaria, mentre l’ultima possibilità è da ricercarsi in una vera e propria frode, magari autorizzando il passaggio del denaro semplicemente rispondendo ad una email o sms “sospetti”.
Qualora avete la certezza di non aver mai autorizzato alcun tipo di pagamento o addebito, è necessario prima di tutto bloccare la carta attraverso il numero ufficiale fornito dalle Poste Italiane (800.003.322), poi è necessario sporgere denuncia alla polizia postale o alle forze dell’ordine la truffa e poi recarsi presso uno sportello dove è possibile fare richiesta di rimborso compilando un modulo appositamente realizzato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here