Nonostante esistano tantissime carte prepagate presenti nel mercato italiano, la Postepay, probabilmente la prima in assoluto di questa tipologia di prodotto, è ancora tra le più utilizzate e questo la rende anche l’obiettivo principale per diversi tipi di truffe online anche perchè ottenerla è molto facile e di norma viene utilizzata sia per gli acquisti online che per il trasferimento di denaro da un utente all’altro. Infatti com’è noto è possibile ricaricare il credito sulla carta presso gli uffici postali e ricevitorie sia su quella personale che su quella di qualcun altro.

Truffe Postepay

Nonostante le nuove misure di sicurezza riguardino anche ovviamente la prepagata delle Poste Italiane, esistono ancora diverse truffe e raggirri che possono “svuotarla” parzialmente del credito apparentemente senza motivazione, ossia senza che l’utente abbia effettuato acquisti. Molti utenti lamentano infatti questo problema dopo aver risposto o semplicemente aperto dei messaggi whatsapp, notifiche sospette o sms che avevano l’aspetto di comunicazioni ufficiali delle Poste, spesso con tutto l’aspetto del portale ufficiale.
Quasi sempre questi messaggi sono frutto di phishing, ossia quando malintenzionato cerca di ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali, dati finanziari o codici di accesso, cosa ancora possibile quando l’utente, generalmente in maniera totalmente involontaria ed inconsapevole “da l’ok” proprio rispondendo a queste notifiche “fasulle”. Le Poste infatti hanno più volte ribadito che le proprie comunicazioni non arrivano tramite questi mezzi e quindi è opportuno ignorare questo tipo di comunicazioni che sicuramente non sono quelle ufficiali.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here