“Attenzione a questo messaggio su Whatsapp!”: ecco cosa può accadere

Whatsapp rappresenta il più diffuso mezzo di comunicazione istantaneo utilizzabile da smartphone e tablet, così popolare da risultare in moltissimi casi entrato nel linguaggio comune.

Il progetto Whatsapp è nato nel 2009 e alcuni anni dopo è stato acquisito da Meta, entrando a far parte della “famiglia” che comprende anche Facebook e Instagram, due tra i più popolari social media dei nostri tempi e nel corso degli anni numerose funzioni sono state aggiunte anche per ampliare la già enorme fetta di utenti.

Diffusione e vulnerabilità

Un servizio così popolare ed utilizzato ha attirato diverse critiche, fondate sopratutto sull’aspetto “sicurezza” dell’applicazione: molti esperti ed appassionati non la considerano tra le applicazioni di messaggistica istantanea più sicure, preferendo alternative come Telegram, la sua principale “concorrente”, ma ciò non ha scalfito alla popolarità dell’app.

Proprio questa popolarità mette talvolta a rischio l’utenza con delle truffe sviluppate ad hoc per permettere l’intrusione non autorizzata da parte dei malintenzionati, sopratutto con la metodologia nota come phishing, di cui abbiamo già parlato. In quasi tutti i casi tuttavia questa tipologia di raggiri non è causata da una vera e propria falla di Whatsapp ma nella consapevolezza dell’utente, visto che il phishingp prevede un intervento da parte dell’utente per “funzionare”.

“Attenzione a questo messaggio su Whatsapp!”: ecco cosa può accadere

Uno dei messaggi di truffa più comuni di Whatsapp prevede una tipologia che attira l’utente, che si vede recapitato un messaggio contenente “Scusa, chi sei? Ti ho trovato nella mia rubrica”, per attirare l’attenzione. Questo invita la vittima a rispondere e magari a dichiarare propri dati personali, se non addirittura dati bancari o simili.

L’intento è proprio quello di venire a conoscenza di determinati dettagli, così come anche foto personali: a causa del fenomeno del deepfake, ossia l’inserimento di foto in contesti video differenti con l’atto di estorcere denaro in una vera e propria estorsione.

Il consiglio è quello di interrompere subito le comunicazioni con questi contatti, e bloccarli, magari segnalando il tutto a Whatsapp attraverso l’apposita funzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.