“PayPal ha rifiutato la mia carta”: ecco cosa fare immediatamente

“Paypal ha rifiutato la mia carta”! È possibile che lo abbiamo esclamato tutti, perché il procedimento di associazione di una carta al conto Paypal è meno intuitivo di quanto sembri. Come molti sanno, Paypal è un sistema di creazione di un portafoglio online che consente transazioni economiche online di quasi qualsiasi cifra.
Utilizzatissimo per gli acquisti online, sta diventando sempre più utile anche per operazioni semplici come dividere un conto a cena. Per avere la piena funzionalità serve però associare una carta di credito/debito. Questo può diventare frustrante qualora non si conoscano le restrizioni e tutto quanto necessario perché l’associazione della carta al conto vada a buon fine. Se stai cercando di capire perché Paypal ha rifiutato la tua carta, sei nel posto giusto.

Paypal ha rifiutato la mia carta: verifiche preliminari

Se non riesci ad associare la tua carta al conto Paypal esistono una serie di verifiche preliminari da fare. In genere il messaggio di errore che compare sul sito indica già nello specifico quale sia il problema. Se non lo hai capito, qui trovi un piccolo elenco che potrebbe aiutarti.
paypal ha rifiutato la mia carta
È innanzitutto necessario che la tua carta sia associata ad un circuito internazionale: Paypal accetta carte Mastercard e Visa (e quindi anche la PostePay, ndr). Il Bancomat non associato ad uno dei circuiti internazionali non può essere associato. In caso di utilizzo di carta prepagata – come la Postepay, appunto – questa deve essere associata ad un unico conto. Non si può associare una prepagata a più conti Paypal e non si può utilizzare la Postepay Junior, riservata ai minorenni.
Al momento dell’associazione al conto, la carta deve avere un saldo minimo di 2.50 Euro, perché Paypal manda un piccolo addebito di verifica dell’importo di 1.50 €uro, e la carta potrebbe essere rifiutata per questo. Altra cosa fondamentale è che l’intestatario del conto Paypal sia lo stesso della carta che si intende associarvi.
Infine, è fondamentale che la carta che stai associando sia abilitata agli acquisti online. Questa abilitazione deve essere concessa dalla società emittente della carta e verificata dall’utente attraverso gli strumenti informatici a propria disposizione. Significa che Paypal non può verificare da sé l’abilitazione.

Ecco cosa fare se i primi passaggi sono stati rispettati

Il motivo per cui la tua carta è stata rifiutata da Paypal può essere uno dei seguenti. Innanzitutto è necessario sapere che esistono dei limiti di associazione tra le carte e i conti Paypal. Per prima cosa, se la carta è già stata collegata a due diversi conti PayPal, non è possibile aggiungerla ad un terzo. Si può collegare una carta ad un solo conto Paypal alla volta: in questo caso è necessario rimuoverla dal primo conto ed aggiungerla al nuovo.

Infine, i conti Paypal hanno un limite massimo di collegamento di 24 carte: se quella che stai collegando è la venticinquesima, non puoi farlo. Dovrai rimuovere l’associazione di una delle altre e poi procedere con la nuova associazione.

Possono poi essersi verificati errori di altra natura. I più comuni sono un indirizzo di fatturazione non valido o la mancata autorizzazione all’addebito temporaneo che Paypal invia per verificare il funzionamento della carta. In quest’ultimo caso sarai tu a dover risolvere il problema contattato la società emittente della carta.
Se hai immesso tre volte un codice di sicurezza errato al momento del collegamento della carta, dovrai contattare il servizio clienti Paypal.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.