Vecchie Lire: classifica delle più ricercate

L’indimenticata e “nostalgica” lira, oramai fuori corso dal 2002, anno in cui l’euro ha preso il posto della storica valuta italiana, rendendo teoricamente inutili tutte quelle monete e banconote che magari abbiamo chiuso in qualche cassetto, in soffitta o in cantina.
Teoricamente perchè in alcuni casi alcuni esemplari particolarmente rari e preziosi possono valere somme di denaro inaspettate, ecco qualche esempio.

Lire di valore

Uno dei “pezzi” di maggior valore lo abbiamo già preso in considerazione: si tratta della 500 lire d’argento nella sua versione “di prova” del 1957, che può valere ben oltre i 10mila euro in condizioni Fior di Conio ossia senza la minima imperfezione o segno di usura. Si tratta per l’appunto della versione di prova, realizzata in poco più di 1000 esemplari.

Un altra moneta che può valere molto è la 5 lire del 1956, nota anche come Delfino, il cui valore è rappresentato totalmente dalla rarità: in quell’anno infatti ne furono realizzate solo 400mila esemplari il che rende particolarmente fortunati i suoi possessori, dato che un esemplare in eccellenti condizioni può superare agilmente la valutazione di 1500 euro.

La 10 lire Ulivo del 1947 sono così denominate a causa del ramoscello di Ulivo che è presente su una delle “facce”: la poca disponibilità di questa moneta le ha rese molto rare ed ambite, al punto che possono valere fino a 4000 euro in condizioni perfette.

Un altra moneta spesso “sottovalutata” è la 2 lire coniata nel 1947 (recante una spiga sulla superficie), anche questa particolarmente rara, che nelle condizioni paragonabili al già citato Fior di Conio può valere oltre 1600 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.